L'ecosistema delle startup è in costante crescita qui in Italia e sono state tante le iniziative che hanno spinto in questa direzione che punta ad innovare il panorama tecnologico e culturale del nostro paese

Sofinnova e Telethon hanno deciso di seguire questa tendenza con un'iniziativa dedicata prettamente a tutte le aziende interessate allo sviluppo di progetti di cure per le malattie rare.

LEGGI ANCHE: E-qube Startup&idea Challenge, la call per le startup della digitalizzazione

Le due associazioni hanno infatti annunciato l'avvio e l'inizio delle attivita del primo fondo italiano dedicato al settore biotech. Questo è già stato attivato e nella sua creazione ha coinvolto oltre 100 investitori italiani.

Il primo finaziamento sarà stanziato entro l'inizio del 2019, ma la durata complessiva del fondo sarà garantita per ben 12 anni e punta a finanziare tra le 15 e le 20 aziende.

LEGGI ANCHE: Modena Nerd 2018, affluenza record e startup nel mondo dell'animazione

L'iniziativa indetta da Telethon e Finnova punta quindi a sviluppare delle nuove tipologie di di ricerca e tecnologie per la cura delle malattie genetiche rare all'interno del panorama italiano. Ma questa è soltanto una delle tante iniziative che ha accompagnato il nome di Telethon, infatti questa nei suoi lunghi anni di attività è riuscita a raccogliere oltre 500 millioni di finanziamenti solo da privati, con Sofinnova partners, ha avuto l'occasione di poter contattare enti e personalità di spicco da coinvolgere in questo progetto di durata decennale.

Le due fondazioni potranno inoltre contare sull'esperienza di un team made in italy formato da due specialiste dell'ambito del trasferimento tecnologico: Lucia Faccio, esperta di business development con una lunga esperienza in Telethon, e Paola Pozzi, ex responsabile dell'ufficio di trasferimento tecnologico del San Raffaele. La squadra, con il supporto da parte di advisor internazionali con forte esperienza nel settore delle malattie genetiche rare, si concentrerà sul finanziamento e l'acceleramento della verifica di fattibilità, fase che precede la fase clinica e che è necessaria per trasformare i progetti più promettenti in società biotech.