La fragilità del territorio appartiene alla cronaca con frequenza. Terremoti, frane, inondazioni, siccità ed eruzioni vulcaniche sono fenomeni che mettono a rischio la vita delle persone e impongono costi economici e sociali pesanti alle comunità colpite. Fondazione Pesenti, strumento per la promozione e la diffusione di una cultura dell’innovazione capace di creare un impatto positivo a livello sociale, ambientale e culturale, ha lanciato il bando SHaReD dedicato alle startup innovative nel campo della gestione dei grandi rischi.

Il progetto SHaReD

Il progetto si chiama SHaReD, ovvero “Social Hazards Resilience in Disaster”, ed è frutto del lavoro congiunto di Fondazione Pesenti, Università Bocconi e Politecnico di Milano. Ha lo scopo di facilitare la nascita e lo sviluppo di startup innovative nel campo della gestione di eventi sismici, vulcanici, eolici (uragani, tornado, tifoni), idraulici (inondazioni), idrogeologici (frane), siccità, incendi. Le startup dovranno proporre nuove idee in termini sia di previsione, prevenzione e gestione dell’emergenza, sia di assistenza post emergenza.

Prevenire, Prevedere, Pianificare

Le tre parole rappresentano le tre direzioni in cui devono essere utilizzati i big data nello studio dei grandi rischi. I promotori del bando credono infatti che con l’innovazione sia possibile trovare soluzioni in grado di introdurre delle forme di prevenzione, almeno per alcuni degli eventi considerati, studiare in anticipo gli effetti delle calamità possibili e sviluppare degli opportuni piani d’azione da attivare in caso di necessità.

Tre posti in Speed MI Up come premio

Per partecipare è necessario inviare l’application dal sito ufficiale entro il 7 gennaio 2019 e tra i requisiti è necessario essere a Milano o comunque essere disposti a trasferire la sede visto che per le tre startup vincitrici è previsto come riconoscimento un periodo di incubazione di sei mesi con inizio previsto a febbraio 2019 presso Speed MI Up, l’incubatore nel campus dell’Università Bocconi.