Il mondo dello sport non è da considerare diviso o lontano da quello della tecnologia e dell’innovazione, tutt’altro, in quanto si incontrano costantemente e con ottimi risultati.

Uno degli esempi più recenti in tal senso viene dalla Spagna, più precisamente dal territorio catalano di Barcellona. La celeberrima squadra ha posto le basi per una rivoluzione nel settore sportivo, aprendo un fondo da 100 milioni di euro per startup ad esso inerenti.

LEGGI ANCHE: Sport e startup: binomio possibile grazie al CONI

BBVA

L’iniziativa è stata studiata per essere lanciata di pari passo con il progetto di Espai Barça, un’opera da 630 milioni di euro, che prevede la ristrutturazione dello storico impianto del Camp Nou, e che darà alla luce il complesso sportivo che si propone di diventare il più grande al mondo, con una capienzadi ben 105mila spettatori e l’implementazione di molti altri servizi tecnologici. Il completamento del progetto non è molto lontano ed infatti è previsto per la stagione 2022-2023.

Il fondo è nato grazie soprattutto alla presenza del Barca Innovation Hub, nato nel 2017, e che ha già collaborato con multinazionali come Gatorade e Toshiba per dare vita a prodotti high tech innovativi e da implementare nella propria vita sportiva quotidiana.

Un esempio concreto è quello di Realtrack Systems, che con la prima squadra del Barça ha sviluppato dei gilet che consentono di raccogliere 20.000 dati al secondo per singolo giocatore indossatore. Gli indumenti hanno goduto di un investimento della società olandese Scranton Enterprises e i giocatori del club catalano sono stati tester del prodotto in prima persona.

LEGGI ANCHE: Amazon insidia Disney nel mercato dei diritti TV per lo sport

Barcellona sport startup

Il Barcellona punta quindi sul poter offrire gli strumenti e le risorse di cui gli imprenditori hanno bisogno per poter creare nuovi prodotti e strumenti su cui hanno investito. Il club spagnolo è quindi ad un passo dal poter rivoluzionare il mercato dello sport e le sue future incarnazioni, d’altronde la potenza economica e mediatica di certo non gli manca per poter guidare un cambiamento del genere.