Spotify RISE

Spotify ha già fama di essere un hitmaker per nuovi artisti, ma ora l'azienda sta trasformando la sua forza in un prodotto. Oggi, Spotify ha annunciato il lancio di RISE, un nuovo programma destinato a "identificare e lanciare la prossima ondata di superstar musicali", dice la società.

L'idea è che Spotify sfrutterà la sua piattaforma e la sua portata considerevole  per commercializzare nuovi talenti e aiutarli a farsi sentire. Ciò include la promozione degli artisti su Spotify e le sue numerose playlist programmate in editorialità, oltre che attraverso pubblicità fuori casa, annunci televisivi e promozioni digitali e sociali.

In aggiunta, Spotify dice che creerà eventi live dal vivo per ogni artista RISE e rilascerà contenuti audio e video che sfruttano la backstory dell'artista; quest'ultima sembra essere l'ultima novità di Spotify sulle sue ambizioni di contenuti originali. Finora, i contenuti audio e video originali non erano mai stati realmente presi in considerazione da Spotify, nonostante i tentativi di creare speciali, serie e podcast.

Spotify RISE

Il programma inizia con quattro artisti che ricoprono diversi generi: l'artista pop Kim Petras, l'artista poprock Lauv, il cantante country Russell Dickerson e l'artista hip hop Trippie Redd.
RISE sarà inizialmente disponibile negli Stati Ubniti, Canada e U.K. e continuerà ad aggiungere quattro nuovi artisti ogni tot mesi, con l'obiettivo di lanciare 16 artisti emergenti all'anno.

"Spotify è impegnata a sostenere le carriere di artisti di ogni livello, tra cui la prossima generazione di superstar globali" ha affermato Troy Carter, responsabile globale di creatori di Spotify, che ha scelto gli artisti di debutto per il lancio di RISE. "RISE è una piattaforma potente e un investimento verso il futuro di artisti emergenti e dei fan che li hanno scoperti in primo luogo", ha detto.

Ha anche chiarito che Spotify non agirà come un etichetta discografica digitale e non sarà titolare dei diritti d'autore associati alle opere degli artisti, non avrà una fetta dei guadagni dei tour e non si occuperà del merchandise degli artisti RISE.