Hack Waste Roma

La raccolta differenziata è uno degli argomenti più sottovalutati e che non ricevono il giusto peso qui in Italia, difatti sono tante le persone che prendono sottogamba il rapporto tra scarto e smaltimento.

Uno dei rifiuti con il maggior tasso di presenza è ovviamente quello alimentare e il Future Food Institute ha deciso di dare vita ad un hackathon romano per sviluppare una concreta soluzione allo spreco alimentare e l'utilizzo alternativo di quello in eccesso.

LEGGI ANCHE: MyFoody, la startup contro lo spreco alimentare

Hack Waste Roma

E' questo il nome della manifestazione che si è tenuta lo scorso 25 maggio 2018 ed ha coinvolto le menti di DoT Academy e Gustolab, vincitori del bando CREA CREA-MIPAAF, che hanno condiviso i loro progetti con una giuria dedicata di tutto rispetto; tra questi alcuni esponenti da realtà nel campo del food care ed innovation come:

  • Etica;
  • Up Day;
  • Last Minute Sotto Casa;
  • CREA;
  • Mercati d'Autore;

LEGGI ANCHE: TRusT™ è il food storytelling tutto italiano

Un vincitore che punta ad un futuro smart

Il vincitore della maratona, di ben 24 ore, è stata Smart Ripee ILPA, startup che ha presentato il suo packaging intelligente che permetterà di estendere la vita dei prodotti ortofrutticoli e vegetali ed informare il consumatore sul suo stato di conservazione.

Ma il processo di cambiamento non si ferma di certo qui, difatti questo evento è stato solo l'inizio della Global Mission del Future Food Institute, che si è prestabilita di trovare i prossimi Food innovation leaders in grado di guidare.

Food

Secondo Sara Roversi, la leader del Futyre Food Institute, qusto è uno di quei piccoli passi che poerterà ad un vero e proprio cambiamento nei confronti delle abitudini civiche ed alimentari dei cittadini.