Start to be circular, il bando della Fondazione Bracco per l'economia circolare

La tutela dell’ambiente è ormai di vitale importanza e la Fondazione Bracco ha deciso di premiare dei progetti in grado di rappresentare uno sviluppo sostenibile.

logo fondazione bracco

Una soluzione ai problemi ambientali è il bando Start to be Circular della Fondazione Bracco che vuole mettere in primo piano la necessità dello sviluppo di un'economia circolare e anche la possibilità di rendere questi modelli di sviluppo delle fonti di profitto.
La tutela ambientale non deve essere vista come un costo da evitare ma come un'opportunità di business.

Accedere al bando Start to be Circular

Il bando della fondazione è aperto a:

  • Startup innovative iscritte al registro apposito;
  • Team che si impegnano a costituire la società entro 4 mesi in caso di vittoria.

Lo scopo dei progetti deve rientrare come indicato anche dal nome del bando nell'ambito della circular economy con progetti di:

  • Riciclo;
  • upcycling (riuso creativo);
  • ecologia industriale;
  • risparmio energetico;
  • approvvigionamento di materie prime;
  • design sostenibile.

I partecipanti dovranno inoltre essere disponibili a stare almeno tre giorni a settimana nell'incubatore SpeedMiUp in caso di vittoria e avere un team di età media pari o inferiore a 39 anni.

L'idea richiesta deve essere quindi:

  • Innovativa;
  • Solida;
  • Potenzialmente internazionale.

Per presentare la domanda dovrete includere:

  • Un elevator pitch di 3 minuti;
  • il business plan completo;
  • il CV dei membri del team.

La valutazione delle idee

Le idee presentate saranno valutate dal comitato scientifico composto da:

  • Diana Bracco, presidente Fondazione Bracco;
  • Cosimo Franco, presidente del programma responsible care di Federchimica;
  • Marco Frey, docente Scuola Superiore S'Anna e presidente Global Compact Italia;
  • Alberto Meomartini, presidente SpeedMiUp;
  • Marco Morganti, AD Banca Futura;
  • Marcella Panucci, consigliere Fondazione Giuseppina Mai e DG Confindustria;
  • Stefano Pogutz, professore Università Bocconi;
  • Cristina Tajani, Assessore a Politiche del lavoro, Attività produttive, Commercio e Risorse umane del Comune di Milano;
  • Diego Visconti, Presidente Fondazione Italiana Accenture.

La valutazione avverrà in tre fasi entro il 29 Novembre 2017 e i vincitori riceveranno la comunicazione via email.

Premi previsti

Il comitato scientifico individuerà tre startup vincitrici che otterranno premi per un valore superiore a 130000 €. La fondazione Giuseppina Mai di Confindustria mette a disposizione 10000 € da dividere in parti uguali tra le startup vincitrici. Questo contributo ha lo scopo di coprire le spese legate alla costituzione della società.

Le tre startup vincitrici entreranno in un programma d'incubazione organizzato da SpeedMiUp, l'incubatore dell'Università Bocconi, della Camera di Commercio di Milano e del Comune di Milano. Questo premio include anche tutti i servizi di tutoring offerti dalla faculty Bocconi e i servizi di consulenza previsti dalla struttura.

immagine logo speedmiup incubatore impresa milano bocconi comune camera commercio

Quando partecipare

Il bando Start to be Circular è stato presentato e aperto il giorno 5 Giugno. In questa data si tiene ogni anno la Giornata Mondiale dell'Ambiente. È possibile presentare le domande fino alle ore 12:30 del giorno 3 Novembre di quest'anno.

Le parole "rendere un mondo un posto migliore" sono generalmente abusate nei pitch ma in questo caso vi invitiamo a farlo davvero, provando a cogliere l'opportunità offerta dalla Fondazione Bracco.

Per maggiori informazioni potete visitare il sito ufficiale della Fondazione Bracco