Il mondo legato alle startup e all’ecosistema dell’innovazione è in costante espansione, soprattutto nel nostro paese, e spesso ci regala grandi soddisfazioni quando esportiamo altrove i suoi traguardi ed idee.

La startup italiana Studiomapp è stata infatti premiata dal Pentagono aggiudicandosi il quarto posto nel concorso internazionale “DIUx xView 2018 Detection Challenge”, manifestazione organizzata dal Dipartimento di Difesa degli Stati Uniti in collaborazione con la National Geospatial Intelligence Agency.

Studiomapp startup

LEGGI ANCHE: KyneProx, la startup italiana che reinventa la simulazione – MGW 2018

L’obiettivo della competizione era di trovare nuove soluzioni per la sicurezza nazionale tramite l’utilizzo della tecnologia legata all’intelligenza artificiale, con un occhio di riguardo alla gestione delle situazioni di emergenza legate alle alluvioni. La startup romagnola è riuscita in questo intento applicando l’AI al Geo-calcolo ed ai dati geospaziali e ad assicurarsi un montepremi di ben 150 mila dollari.

Tramite questo connubio l’azienda made in italy è in grado di proporre soluzioni efficaci per i settori di:

  • Smart Cities;
  • Mobilità;
  • Trasporto e Logistica;
  • Turismo e Beni culturali;
  • Real Estate;
  • Agricoltura;
  • Territorio e Gestione delle risorse naturali;
  • Salute e Sociale.

LEGGI ANCHE: E-qube Startup&idea Challenge, la call per le startup della digitalizzazione

Studiomapp startup

Nonostante quello di Studiomapp sia un traguardo di grande spessore ed orgoglio, è bene soffermarsi qualche minuto sull’importanza del concorso lanciato dal Pentagono. Questa manifestazione è infatti di fondamentale importanza se consideriamo come in casi d’emergenza o situazioni di crisi sia necessario agire in maniere sempre più efficiente ed efficace.

Sfruttando l’intelligenza artificiale e i big data è quindi possibile attuare questo scenario in grado di garantire una maggior sicurezza e possibilità di salvataggio, basti pensare agli eventi legati all’uragano Irma, scatenatosi nel 2017. Difatti l’implementazione dell’utilizzo di immagini satellitari ed altri sistemi di sicurezza più sofisticati ha garantito un maggiore range di successo degli interventi da parte delle autorità