Synthace, una startup degli UK che utilizza la tecnologia open source per rendere più veloce il processo in biotecnologia, ha ottenuto 7,3 milioni di sterline in un round di serie A. I nuovi investitori Capital White Cloud, Amadeus Capital Partners e Eleven Two Capital hanno partecipato a fianco degli investitori esistenti che includevano Sofinnova Partners, SOSV e Bioeconomy Capital.

Il sistema operativo Antha della Società sostituisce i processi attualmente in corso, svolti quasi totalmente a mano.

Synthace
Tim Fell, fondatore di Synthace

Il CEO Tim Fell dice che la società è nata dal desiderio di migliorare la biologia: “Il nostro bisogno di guarire, nutrire, carburare e produrre per una popolazione in crescita può essere raggiunto sbloccando l’infinito potere della biologia, ma solo portando l’astrazione software e l’automazione alla R & S biologica e la produzione, e consentendo ai biologi di costruire in cima il loro lavoro collettivo. È ciò che fa la piattaforma Antha “.

Il finanziamento verrà utilizzato per espandere il proprio ecosistema di biologi, produttori di strumenti di laboratorio, reagenti e fornitori di  consumo, sviluppatori di software di bio-design e analisi, e fornitori di cloud.

Synthace
Isabel Fox, Head of Venture a White Cloud Capital

Isabel Fox, Head of Venture a White Cloud Capital, ha commentato: “Il Synthace sta trasformando il modo in cui la biotecnologia è sviluppata e il modo in cui il budget di R & S scientifico globale di 170 miliardi di dollari viene speso. La trazione che la Società ha raggiunto con i clienti biotecnologici farmaceutici, agritech e industriali mostra l’applicabilità cross-sectorale di Antha “.

Synthace
Hermann Hauser, co-fondatore e partner di Amadeus Capital Partners

Hermann Hauser, co-fondatore e partner di Amadeus Capital Partners, ha dichiarato: “La biotecnologia ha un’applicazione di massa, una vera tecnologia in generale. Il suo sviluppo è impegnativo e Synthace è il potere dei biotecnologi per capire meglio e lavorare con la sua natura complessa “.

In termini semplici, l’azienda vende una piattaforma software che rende molto più facile per i ricercatori sviluppare prodotti biotecnologici e portarli sul mercato. Questi possono essere droghe, colture o materiali e prodotti realizzati utilizzando la biologia piuttosto che da petrochimici.