Il Tortellante

Le categorie protette in Italia sono tutelate sotto diversi aspetti: molte aziende offrono loro una vasta gamma di misure ad hoc e modalità agevolate di assunzione in posizione lavorative dedicate, con tanto di progetti a disposizione delle medesime.

Il Tortellante è uno degli esempi più recenti in tal senso; si tratta di un laboratorio terapeutico in cui i ragazzi affetti da autismo vengono coinvolti in attività che hanno come risultato la produzione dipasta fresca insieme ai loro nonni e genitori.

LEGGI ANCHE: Impossible Foods, il primo burger vegetale che sa di carne è realtà negli USA

Le persone affette dalla patologie sono assistiti 24 ore su 24 da otto educatori, due psicologi ed un team scientifico guidato dal prof. Franco Nardocci. A completare la squadra, un esercito di volontari. Questa tipologia di attività è volta a stimolare la socializzazione e la professionalizzazione dei ragazzi, così da permettergli un inserimento all'interno di un contesto di lavoro.

Il progetto del Tortellante è stato inaugurato la prima volta a Modena nel 2016 ed ha coinvolto ben 21 soggetti, un numero considerevole se consideriamo la giovinezza del progetto.

LEGGI ANCHE: Il settore del food delivery è a rischio secondo il CEO di Foodora Italia

Il Tortellante

Il progetto non è assolutamente passato inosservato davanti ai grandi player di mercato ed alcuni si sono interessati, richiedendo questi "tortellini speciali". Aziende come Maserati, Gucci e Tetrapak fanno parte di questa schiera e questa visibilità è dovuta in parte anche al testimonial del progetto, lo chef Massimo Bottura. La richiesta è cresciuta esponenzialmente in questi 3 anni di attività e, per questo, il laboratorio si è spesso ritrovato a dover rifiutare alcuni ordini.