User Inyerface

Al centro della pagina di benvenuto campeggia un gigantesco bottone colorato: lo clicchiamo, ma non succede nulla. Per proseguire occorre premere poco più in basso, al centro di una didascalia senza nessuna indicazione particolare.

E' solo l'inizio di User Inyerface, il gioco/portale realizzato dal designer Baagar con uno scopo preciso: rendere l'esperienza utente il più frustrante possibile. L'obbiettivo è in sé semplice, la compilazione di un format simile a quelli usati per iscriversi ad un qualunque social network, ma sarà il sito a renderci la vita difficile.

Già solo inserire email e password si rivela un'impresa ardua: un gigantesco banner appare ogni pochi secondi, e il tasto per chiuderlo è mimetizzato come fosse un trademark, mentre una scritta che ci segnala come la nostra password sia abbastanza sicura (ma scritta in rosso, come fosse il contrario) ci manderà non poco in confusione.

Il vero problema arriva dopo, quando ci troveremo ad eliminare le spunte da una lista di interessi: una serie di tasti trabocchetto (elimina tutte le spunte, aggiungi tutte le spunte) ci costringeranno a ripetere l'azione più e più volte, e ad ogni passaggio la nostra pazienza diminuirà.

Notevole è anche la scelta della nazionalità: il menù a tendina ci mostra una lista di centinaia di bandiere, tutte rigorosamente in bianco e nero. Se siete statunitensi il gioco potrebbe comunque risultare facile, ma un italiano come me si stupirà nel scoprire quante bandiere – Francia, Romania, Irlanda, Belgio – siano identiche alla nostra se prive di colori.

Screen dal sito

Faticosamente finita la compilazione, un'altra sorpresa: i pulsanti per andare avanti sono coperti da un banner, e se si prova a cliccare il bottone verde che sporge ci si trova di fronte alla scritta "sicuro di voler eliminare tutti i dati?". Occorre ingegnarsi ancora, insomma, per riuscire a proseguire.

Se la frustrazione non ha ancora avuto la meglio, si arriva alla pagina dei captcha: decine di figure che non sono mai ciò che sembrano, tasti di spunta che non stanno dove dovrebbero e istruzioni tranello. Finirli è un'impresa troppo ardua anche per chi, come me, si era addentrato nel portale armato di pazienza e tempo a disposizione.

Il senso del sito è mostrare quanto i dettagli – dal colore di una scritta alla sua collocazione spaziale – facciano la differenza nella costruzione di un sito web, e quindi nell'esperienza di chi si trova a navigarci. Quando le regole della comunicazione online non sono rispettate, come platealmente accade in questo caso, la frustrazione la farà da padrone.

Insomma, se volete avventurarvi nel gioco fatelo, ma previa seduta di meditazione.

LEGGI ANCHE: Quale 2018 per Web, startup e innovazione?