Il trend positivo di Twitter, incognita importante di questo 2018, si è concretizzato con la presentazione del risultati dell’ultimo trimestre dello scorso anno, che hanno confermato il trend che abbiamo iniziato a vedere e che dimostrano la capacità del famoso social network di generare profitti. Questi dati sono piaciuti a Wall Street con una crescita della quotazione, col risultato che l’azienda ha anche superato Snap come capitalizzazione, che sta vivendo un momento positivo anch’essa.

I dati che piacciono a Wall Street

I dati che gli investitori hanno apprezzato sono legati principalmente al margine di profitto e al fatturato, entrambi al di sopra delle aspettative. Il numero di utenti, 330 milioni, è rimasto costante rispetto al trimestre precedente, in crescita di 12 milioni rispetto al Q4 2016. Si è riscontrata una lieve crescita degli utenti internazionali, riequilibrata da un lieve calo del numero di utenti statunitensi.

wall street

Ci sono stati 732 milioni di dollari di fatturato, 15 milioni in più rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente con un aumento del 10% del fatturato proveniente dal data licensing. La crescita rispetto al trimestre precedente è pari a 142 milioni di dollari, 46 milioni in più rispetto alle previsioni dei mercati, che hanno premiato questo progresso. Si conferma anche in questo settore l’aumento di peso del mercato non-USA, che rappresenta il 44% del fatturato, contro il 39% del Q4 2016. C’è stato inoltre un 18% di crescita anno su anno delle vendite pubblicitarie internazionali.

La svolta nei profitti

Il 2017 di Twitter si è chiuso con perdite complessive di 108 milioni di dollari, contro gli oltre 400 dell’anno precedente. IL Q4 ha inoltre visto ben 91 milioni di dollari di profitti, trend che ha contribuito al risultato positivo in borsa.

Twitter sul mercato ha toccato i 35$

Si sono visti i risultati con l’azienda che giovedì, il giorno della pubblicazione dei dati, ha raggiunto il picco di 35 $ a Wall Street, superando come capitalizzazione Snapchat. La chiusura di ieri ha portato il prezzo a 32,85 $, risultato incredibile visto che nelle ultime 52 settimane l’azienda ha toccato un minimo 14,12 $, meno della metà rispetto al prezzo attuale.