I gruppi delle chat possono essere a volte una perdita di tempo o un invasione dei propri spazi, per questo motivo WhatsApp sta testando una funzione che consentirà agli utenti di essere inseriti in un gruppo solo dopo autorizzazione. Spesso capita che persone con il nostro numero ci aggiungano a dei gruppi dove non centriamo nulla, oppure non vogliamo starci dentro. Con questo nuovissimo aggiornamento sarà possibile decidere se entrare o meno e quindi verrà eliminata l’inclusione diretta.

 

Come prima opzione l’utente avrà a sua disposizione tre diversi tipi di filtro (Tutti, Solo i Contatti, Nessuno) che consentirà di decidere quali categorie di persone possono aggiungerlo ad una discussione con più utenti. L’utente quindi, sarà anche in grado di capire se la persona che lo sta aggiungendo al gruppo è qualcuno che conosce o che ha semplicemente ottenuto il suo numero per vie traverse.
Per rispondere all’invito si avranno a disposizione 72 ore dalla ricezione del collegamento. La novità è avvistata nelle ultime Beta dell’app per dispositivi iOS e riportata dal sito WABetaInfo.

I cambiamenti futuri delle app di messaggistica

Questo cambiamento comporterà sicuramente una gestione della privacy molto più efficiente ed elevata, ma sicuramente non cambierà le dinamiche tra i nostri contatti.
Ormai si può dire che WhatsApp sia arrivato ad un punto dove può solo ottimizzare le funzionalità che ha già o implementare da altri social che si mettono in competizione con lui, come Telegram.

Questo farà si che non vedremo delle novità enormi sull’applicazione, ma continueremo ad usarla tutti i giorni per la sua efficacia e qualità. WhatsApp è utilizzata da oltre 1,5 miliardi di utenti e tra WhatsApp e Messenger, due app dell’ecosistema Zuckerberg, le persone mandano oltre 100 miliardi di messaggi ogni giorno. Questo vuol dire che i sistemi di messaggistica funzionano e sono apprezzati dalla community.