L'home banking è diventato uno strumento comodo ed efficace per i clienti al fine di usufruire in modo rapido dei servizi della propria banca. Widiba ha spinto il limite poco più in là con Widiba Home, l'home banking che sfrutta i visori di realtà virtuale e realtà aumentata.

Widiba Home, quando il digitale incontra il reale

L'uomo spesso preferisce il contatto fisico poiché per natura lo ha sempre cercato. Interagire con altri umani è la base della nostra civiltà e quello che mira a fare Widiba Home è ricreare un ambiente familiare al cliente.
L'applicazione, infatti, ricrea il classico ambiente che si può trovare all'interno di una qualsiasi banca, permettendo all'utente di fare ciò di cui hai bisogno.

La banca che è stata ricreata all'interno di Widiba Home è suddivisa in tre piani:

  • Primo piano: informazioni e operazione di base come bonifici o ricariche telefoniche;
  • Secondo piano: trading e consulenza finanziaria;
  • Terzo piano: mutui e finanziamenti.

Widiba Home vista del primo piano dell'ambiente virtuale

Il design di questo ambiente virtuale è stato interamente ideato e realizzato da Widiba.

L'interazione col sistema avverrà attraverso il movimento degli occhi: basterà puntare lo sguardo sull'oggetto col quale si vuole interagire per avviare la procedura.
Widiba però non si ferma qui: un secondo progetto, chiamato Widiba Dialog, è in atto.

Widiba e la collaborazione con Microsoft

Con Widiba Home si cerca di soddisfare e semplificare la vita di tutti i clienti che vogliono un home banking semplice, veloce ed efficace. Widiba Dialog invece è un sistema pensato e sviluppato per i consulenti finanziari della banca. Tale tecnologia sfrutterà HoloLens, il visore a realtà aumentata di Microsoft, e sarà installata in 145 uffici dell'azienda a partire da dicembre.

Dopo Widiba Home ecco Widiba Dialog

Come sarà sfruttata? Widiba Dialog permetterà di visualizzare in real time tutto ciò che il proprio consulente bancario sta illustrando, dai grafici a tabelle e così via.

Ma non finisce qui, i clienti potranno interagire anche con un consulente virtuale, il quale consiste proprio in un ologramma. Sembra quasi impossibile da pensare ma sì, è così. Potrete porgli domande o questioni riguardanti la Widiba e i suoi servizi e non solo, potrete chiedergli di svolgere operazioni bancarie vere e proprie.

Se l'ambiente virtuale è stato creato da Widiba, per il consulente virtuale è stata scelta Another Reality, startup milanese maestra nella creazione di ambienti virtuali.

Widiba, una banca senza limiti

Passando per il discorso sicurezza, sempre fondamentale per la creazione di un servizio di home banking, poco cambierà con l'arrivo di questi due servizi. I clienti accederanno sempre con le proprie credenziali, tuttavia interagiranno con gli occhi e non col mouse.

Ma Widiba non si accontenta, Andrea Cardamone, amministratore delegato di Widiba, ha dichiarato:

"Il futuro passa da una scommessa, ovvero la possibilità di integrare nei lettori il riconoscimento dell'iride: oggi non è ancora possibile, ma sono convinto che ci si arriverà."

Infine, un terzo progetto, che sarà avviato nel 2018, è già in cantiere: Widiba Street. Questo servizio permetterà di portare i servizi offerti dalla banca in giro per le città sfruttando un mezzo speciale.

Marco Morelli, amministratore delegato di Monte dei Paschi e consigliere di Widiba, si è espresso come segue riguardo questo argomento:

"Al centro di tutto c'è il cliente, i cui bisogni cambiano velocemente. "