Il mercato richiede un’efficienza produttiva e logistica ai livelli massimi e di conseguenza le aziende di e-commerce richiedono un servizio di spedizioni pressoché istantaneo.

Per aumentare la produttività in tal senso, alcuni player di mercato hanno ideato vari sistemi per poter affiancare i tradizionali corrieri. Tra questi troviamo e-Novia, azienda italiana che ha sviluppato Yape.

LEGGI ANCHEAgli italiani piace l’e-commerce, da PC ma sempre più con lo smartphone

Un robot a domicilio

Ma cos’è Yape? E’ un robot in grado di consegnare pacchetti e/o oggetti grazie alle sue doti in fatto di mobilità. Questo è infatti in grado di muoversi su spazi stretti o irregolari, come marciapiedi e dossi, con una velocità che varia dai 6 Km/h ai 20 Km/h, il tutto con un’autonomia di ben 80 Km.

Yape è anche dotato di un’intelligenza artificiale sofisticata capace di riconoscere elementi esterni come segnali stradali, pedoni e semafori, e quindi poter circolare in tutta tranquillità per le strade. Le due ruote con motori elettrici autonomi sono atte a minimizzare il consumo di energia e gli permettono di aggirare tutte le tipologie di ostacoli presenti sul suo percorso.

LEGGI ANCHEAme Ventures punta 500 milioni di dollari su Mister Worker®

Yape Robot

Il robottino made in Italy ha destato scalpore tra il pubblico ed è stato selezionato da Japan Post, in collaborazione con Drone Future Aviation, individuando in esso la soluzione migliore per le consegne a domicilio agli sfollati del cataclisma. Yape è quindi sbarcato anche nella terra del sol levante, in Giappone, ed ha portato a termine la sua prima consegna nella città di Minami Sōma, centro cittadino dove è avvenuto il terremoto del 2011.

Le consegne sono andate a buon fine ed hanno posto le basi per poter espandere il futuro operato del robot italiano. Attualmente sono stati infatti delineati altri paesi, come gli Stati Uniti, per effettuare dei test in vari punti vendita. Inoltre e-Novia ha anche organizzato alcune prove in Europa nel settore del food delivery e della sperimentazione del 5G con Vodafone a Milano, in collaborazione con il Politecnico di Milano, Esselunga e Poste Italiane.