YouTube Wikipedia

YouTube e Wikipedia sono tra i più grandi contenitori di informazioni esistenti.
Ogni minuto vengono caricate 300 ore di video.
Considerando una durata media di 4 minuti e mezzo per video e le 300 ore di video caricate ogni minuto, in un anno vengono caricati 2.102.400.000 video.
Mentre sul sito famoso per la moltitudine di informazioni, in italiano vi sono attualmente 1.424.680 voci, con una crescita media mensile di circa 10.000 voci.


La maggior parte dei video che vengono caricati sono per lo più dedicati all’intrattenimento oggi giorno.
Se andiamo a fondo tra le ricerche dei video, noteremo che alcuni video non hanno senso di esistere in quanto divulgano solo disinformazione.

Qual’è il problema?

Recentemente il social ha riscontrato delle critiche negative sui contenuti che promuovono fatti storici e scientifici mai avvenuti, e a questo proposito intende intensificare i suoi sforzi per combattere i mercanti della cospirazione.
Questo forse in risposta all’eruzione di video di cospirazione che hanno seguito la sparatoria a Parkland, in Florida, il mese scorso.

Per risolvere questo problema il sito fornirà agli spettatori dei link a fianco ai video per fornire spiegazioni e informazioni più credibili, e uno dei siti coinvolti è appunto Wikipedia.
Il sito appunto avrebbe il compito di fornire agli spettatori una contro narrativa, secondo l’amministratore delegato Susan Wojcicki.

YouTube prevede di implementare funzionalità che puntano ad aggiungere informazioni aggiuntive tra i video nei prossimi mesi.
La Wikimedia Foundation ha accolto favorevolmente l’iniziativa, ma ha notato che non era entrata in una partnership formale con il social network, che non ha dato nessun preavviso.

Siamo sempre felici di vedere persone, aziende e organizzazioni riconoscere il valore di Wikipedia come un deposito di conoscenza gratuita“, ha dichiarato Samantha Lien, portavoce della Wikimedia Foundation.

Come Facebook prima di lui, anche YouTube affronta un’enorme sfida nel tentativo di eliminare notizie false.
Vedremo nei prossimi mesi se questa iniziativa riscontrerà risultati positivi.