Connect with us

Startup

Dust, la Francia è la Silicon Valley dell’IA

Published

on

Dust

Negli ultimi decenni, la Silicon Valley ha attirato a sé una gran quantità di talenti francesi, grazie alle sue aziende all’avanguardia e agli stipendi allettanti. Tuttavia, sta emergendo una tendenza inversa: i tecnici francesi stanno tornando in patria per lanciare startup. Un esempio lampante di questo fenomeno è Dust, una startup specializzata in intelligenza artificiale, che ha scelto la capitale francese invece della California.

La nascita di Dust

Dust è stata co-fondata a Parigi nel 2022 da Stanislas Polu, dopo un’esperienza di sette anni negli Stati Uniti, dove ha lavorato come ingegnere software presso OpenAI. Il suo co-fondatore, Gabriel Hubert, ha avuto un percorso simile, tornando in Francia dopo aver lavorato presso Stripe e guidato il team di prodotto dell’unicorno healthtech Alan.

Dust offre una piattaforma che consente alle aziende di creare assistenti IA personalizzati per vari compiti, come la preparazione delle riunioni o l’analisi dei dati. Nel 2023, ha raccolto un round seed da 5 milioni di euro da investitori globali come Sequoia Capital, Seedcamp e Connect Ventures. All’inizio di questo mese, la startup ha chiuso un round di Serie A da 15 milioni di euro dagli stessi investitori.

In concomitanza con la chiusura del round di Serie A, il team di Dust ha festeggiato il raggiungimento di 1 milione di euro in ricavi ricorrenti annuali (ARR). Nonostante sia ancora nelle prime fasi, il fondatore Hubert afferma che costruire un’azienda di IA in Francia oggi non è più una sfida ardua come qualche anno fa.

Advertisement

“Francia si sta sempre più affermando nel settore dell’IA,” dice Hubert. “C’è ancora molto da dimostrare e le cose si stanno muovendo velocemente, ma stiamo accelerando.”

La piattaforma di Dust

Dust fornisce una piattaforma che aiuta le aziende a sfruttare modelli di IA generativa, come quelli sviluppati da OpenAI e Mistral, per creare assistenti intelligenti basati sui dati dei clienti e rispondere a specifici casi d’uso aziendali. Il prodotto si presenta come una classica piattaforma SaaS, simile a Slack, che qualsiasi dipendente può utilizzare per interagire e creare nuovi assistenti.

“L’utopia di avere un unico assistente che risponde a tutte le esigenze è irrealistica,” afferma Hubert. “Noi vediamo un assistente per ogni caso d’uso.”

La maggior parte degli utenti di Dust non sono sviluppatori. La creazione di un assistente sulla piattaforma richiede solo la definizione del nome dello strumento, l’indicazione delle fonti di dati e l’assegnazione di istruzioni. Tra i casi d’uso emergenti ci sono assistenti per le riunioni e coach personali che forniscono consigli basati sui feedback e sugli obiettivi dei dipendenti.

Advertisement

Dust conta oltre 250 clienti aziendali e più di 5.000 dipendenti che utilizzano la piattaforma, tra cui Alan e le fintech francesi Qonto e Pennylane. All’interno del team di 600 persone di Alan, sono stati creati 150 assistenti IA usando Dust.

Parig è la nuova Silicon Valley dell’IA

Dust è solo una delle numerose startup di IA che sono nate a Parigi negli ultimi 18 mesi, tra cui le rinomate GenAI, Mistral, H e Nabla, tutte fondate da ex dipendenti di grandi aziende tecnologiche come Meta o Google DeepMind. Il talento francese sembra sempre più incline a lanciare nuove imprese nel proprio paese.

Secondo Hubert, questo fenomeno è in parte dovuto alla pandemia di Covid, che ha visto molti dipendenti basati negli Stati Uniti tornare a casa e lavorare a distanza, e in parte a una tendenza strutturale: molte grandi aziende tecnologiche hanno ormai più di un decennio e hanno creato una generazione di trentenni che si chiedono se rimanere all’estero.

“Francia è la Silicon Valley di 20 o 30 anni fa,” afferma il co-fondatore Polu. “Negli Stati Uniti, le aziende hanno decine di migliaia di dipendenti. Fuori dalla California, c’è un’energia intorno all’IA che permette di pensare fuori dagli schemi.”

Advertisement

Nonostante Parigi stia emergendo come un hub promettente per il talento IA, gran parte del business avviene ancora dall’altra parte dell’Atlantico. Dust ha assunto un dipendente negli Stati Uniti e prevede di utilizzare parte dei fondi del round di Serie A per continuare a crescere il team sul campo.

“We are lucky to be a medium fish in a small pond in Paris,” dice Hubert, “ma la nostra ambizione è di non essere solo il fornitore di produttività del Next 40.”

Con il continuo supporto degli investitori e un mercato in espansione, Dust è ben posizionata per diventare un attore chiave nell’ecosistema globale dell’intelligenza artificiale.

Advertisement